Adhd deficit di Attenzione ed Iperattività: Cause

Visite: 7473
Adhd Cause

Gli studi sulle cause che determinano il manifestarsi del disturbo vertono su due correnti di pensiero: c’è chi sostiene che le cause siano prevalentemente di tipo neurobiologico e chi sostiene che il disturbo sia dovuto prevalentemente a conseguenze ambientali particolarmente svantaggiose.

I sostenitori dell’origine organica del disturbo sostengono la loro posizione sulla base degli studi genetici e sulle neuroimmagini individuando alcune parti specifiche del cervello come responsabili delle risposte agli stimoli provenienti dall’esterno: corteccia prefrontale, i nuclei della base e il cervelletto.

Tali parti sono responsabili di alcune attività che nei bambini ADHD risultano particolarmente deficitarie ( attenzione, comportamento, inibizione delle risposte automatiche e percezione del tempo ): gli studi dimostrano come le parti interessate sono ridotte nei soggetti ADHD rispetto a quelle dei soggetti sani.

Gli studi condotti sulla genetica del disturbo dimostrano come vi sia una familiarità per l’ADHD soprattutto considerando la parentela maschile dei soggetti già diagnosticati.

“Anche gli studi condotti tra gemelli omozigoti, che possiedono cioè lo stesso patrimonio genetico, hanno evidenziato che un gemello omozigote con ADHD ha circa l’80% di probabilità di avere il suo gemello con lo stesso disturbo; mentre per i gemelli dizigoti la probabilità scende al 30-35%.

Il fatto che i gemelli omozigoti presentino comportamenti con livelli di concordanza più elevati rispetto a quelli dei gemelli dizigoti, diventa uno degli elementi a favore della tesi che all’eziologia dell’ADHD contribuiscano fattori genetici. ”


“In realtà, è verosimile che la causa principale dell’ADHD sia multifattoriale e cioè  che i vari fattori, neurobiologici e psicosociali, contribuiscano assieme al suo manifestarsi, ma che i fattori psicosociali, da soli, non siano la causa primaria .”

Note Bibliografiche

Vio C., Marzocchi G.M., Offredi F., Il Bambino con Deficit di Attenzione / Iperattività, Trento, Erikson 1999

 Ianes D, Marzocchi G. M. , Sanna G., L’iperattività, Aspetti Clinici e interventi psicoeducativi, Trento, Erickson, 2009

Dott. Andrea Atzeni SOS ADHD CAGLIARI

Corso di Formazione: ADHD A SCUOLA Prevenzione e Trattamento